WhereApp – App24PA

Umbria: tra paesaggi incontaminati e antichi borghi

Se volete passare un’estate tra paesaggi incontaminati, antichi borghi e natura l’Umbria è la meta ideale.

L’Umbria può essere definita una regione incantata. Una terra fatta di colline, monti e valli che nasce nel cuore dello stivale. Una regione affascinante anche perché ha dato i natali a numerosi Santi tra cui San Francesco, Santa Chiara, Santa Rita da Cascia e San Valentino.

Da sempre l’arte e la religione sono state le caratteristiche principali dell’Umbria. Ad oggi si distingue per i suoi festival musicali e culturali importanti anche a livello internazionale, per la sua tradizione eno-gastronomica e per le sue bellezze naturali.

Quali sono i luoghi da non perdere in Umbria?

Spello

Spello è senza dubbio uno tra i più bei borghi d’Italia. In epoca romana gli era stato attribuito il nome Hispellum, una realtà gradita a Caio Giulio Cesare, che l’aveva soprannominata “Splendidissima Colonia Julia”. Oggi Spello conserva ancora parzialmente le Mura Romane che si fregiano in tre porte: Porta Urbica, Porta Consolare e Porta Venere. Merita sicuramente una visita la Casa romana del I secolo d.C., rimasta nascosta fino al 1885. Certamente una delle cose da fare a Spello è perdersi tra i suoi vicoli e tra suoi balconcini pieni di fiori. Passeggiare tra le vie di Spello equivale a una ventata d’aria fresca. Ogni anno si svolgono le tradizionali “infiorate di Spello”. Una manifestazione in cui sono realizzati tappeti e quadri fatti di petali di fiori che assomigliano a vere e proprie opere d’arte.

Spoleto

A Spoleto si incrocia l’epoca romana con quella medievale. Il borgo non è conosciuto solo per i suoi innumerevoli scorci storici da visitare. Uno fra tutti il Ponte delle Torri, impressionante per la sua altezza e maestosità, ma anche per le kermesse che ravvivano la cittadina con cultura e musica. L’evento più importante è il Festival dei Due Mondi, un tripudio di spettacoli teatrali, operistici, concerti e danza che anima l’estate del borgo. Il primo Spoleto Festival, o Festival dei Due Mondi, venne organizzato nel 1958. Oggi il Festival dura 17 giorni, ha inizio sempre nell’ultimo venerdì di giugno. Durante questo periodo potrete assistere a balli, opere liriche, pittura, conferenze, concerti, spettacoli teatrali, musica sacra ed eventi dedicati al mondo contemporaneo. Il Festival da la possibilità ogni anno di far conoscere le antiche tradizioni dell’Umbria

Valnerina e La Cascata delle Marmore

La Valnerina, la lunga valle scavata dal fiume Nera, è considerata uno dei “polmoni verdi” più incantevoli d’Italia. Borghi medievali, natura incontaminata e paesaggi verdeggianti sono ciò che la caratterizzano. L’attrazione più importante che caratterizza la Valnerina è sicuramente la Cascata delle Marmore.

La Cascata delle Marmore è una cascata a flusso controllato tra le più alte d’Europa. Il nome deriva dai sali di carbonato di calcio presenti sulle rocce che sembrano marmo bianco. Una caratteristica della cascata è che le sue acque solo utilizzate per la produzione di energia idroelettrica. La cascata non è sempre aperta a pieno regime. Quando è aperta a flusso minimo si scoprono le rocce e la vegetazione sottostante. L’acqua con il tempo ha scavato delle grotte con stalattiti e stalagmiti nel travertino. Alcune di queste grotte sono visitabili e non sono ancora molto conosciute.

Per gli appassionati che si trovano in zona non potrà sicuramente mancare una tappa a Norcia o a Trevi per assaggiare il tartufo, specialità locale.

Buon viaggio con WhereApp!

EnglishFrançaisDeutschItalianoPortuguêsEspañol